LA GRANDE BUGIA

LA GRANDE BUGIA

Continua la narrazione della grande bugia. Basta un tampone positivo per trasformare nella Spagnola un’influenza seria e critica per soggetti anziani e deboli. Per costruire cosa?

di Pasquale Di Matteo

Anche il 22 ottobre, ben 2082 guariti, quasi quattro volte il numero dei ricoverati, ma ai media sfugge. Perché?

Sono 637 i positivi che necessitano di cure, infatti. Contro 2082 guariti.

637 su 16079.

15.442 positivi agli oltre 170.000 tamponi di ieri non hanno niente. Persone sane chiuse in casa. Forza lavoro sottratta non soltanto a uffici, negozi e fabbriche, ma soldi in meno per le casse dello Stato.

E, anziché esultare perché su 16.079 positivi ben 15.442 non hanno un cazzo, per fortuna, si alimenta la più grande bugia della storia mediatica. La pandemia di asintomatici. Anziché esultare perché a marzo, con 170.000 tamponi si sarebbero trovati circa 43.000 positivi e in quel periodo morivano 900 persone al giorno, senza dover conteggiare anche i morti di cancro con tampone positivo come avviene oggi, si continua con la paura.

136 defunti sui 2000 morti del 22 ottobre presentavano tampone positivo. Poi ci faranno sapere età di questi 136 e patologie che hanno causato i decessi.

Avanti con la narrazione della grande bugia. La gente deve imparare concetti come: coprifuoco, “nuova normalità”, morti, contagiati, infetti, distanziamento sociale, assembramenti, limiti, no a feste, no a riunioni parentali, no a chi la pensa diversamente, no a chi si pone domande.

In attesa del prossimo vip che annunci di aver preso il virus della pandemia asintomatica, che anche quando ti aggredisce nella forma più critica e hai 84 anni, non muori. Come fortunatamente accaduto a Berlusconi. E non vi fate domande sui 136? Qualcuno noto? Bolsonaro, Trump, Berlusconi, Porro, Zingaretti, Johnson, il principe Carlo, Valentino Rossi, Federica Pellegrini, Paolo Brosio, Briatore… Nessuna domanda? Nemmeno un minimo dubbio che vi stiano prendendo per il culo?

Un positivo ogni 22 circa necessita di cure.
Si calcola che in Italia vi siano 6 milioni di positivi.
272.000 persone necessiterebbero di cure, perciò. Tra chi necessita di cure, un decimo rischia la terapia intensiva. E tra questi, circa il 10% rischia di morire.
Intanto, si impedisce l’accesso al Pronto Soccorso a un giovane con la testa sanguinante, o alla donna che perdeva sangue dal retto.
Si bloccano gli accertamenti per i malati di cancro, malattia vera che uccide 500 Italiani al giorno! Oltre 170.000 morti all’anno!
Stiamo uccidendo un Paese perché, per la prima volta nella storia, un’influenza acuta fa paura.

Insomma, la pandemia di asintomatici serve a lobotomizzare quanti più idioti possibili. La televisione è l’esercito più potente. Quello vero scende in strada a controllare e a sedare gli animi dei pochi con un cervello funzionante e con un briciolo di spessore culturale.

La pandemia di asintomatici è il mezzo più potente per costruire la “nuova normalità”. Quella nei libri si è sempre chiamata dittatura.

Ma per arrivare a cosa?

Beh, tutti i dati del 2019 annunciavano grossi problemi per diversi istituti bancari nel mondo, compresi colossi della finanza tedesca. I grandi guadagni fatti con i prestiti al consumo non esistevano più. Le crisi di liquidità generalizzate avevano aumentato insolvenze in diversi Paesi. E pignorare le case, con la crisi del mattone, non fruttava nulla. Perciò, la nuova frontiera è l’eliminazione del contante. Perché se una banconota in circolo non frutta nulla alle banche, i pagamenti elettronici sono centesimi a ogni transazione. Miliardi di transazioni al minuto nel mondo. E poi, molto più comodo indebitare gli Stati. Grasso che cola.

Il FMI rischiava di veder svanire i profitti generati dai debiti degli Stati. Infatti, l’Unione europea andava sfaldandosi. La Gran Bretagna scappava e in molti altri Paesi, i contrari all’Europa avevano sempre più consensi. Difficile che altri cadessero nell’errore della Grecia.

Negli ultimi anni, si erano registrati cali importanti delle vaccinazioni, con perdite consistenti per le aziende farmaceutiche, che oggi sono in prima linea nella fabbricazione di vaccini per la pandemia. E Bill Gates è solo uno dei magnati coinvolti nel grande affare, pronto a ricavarne trilioni di dollari.

E poi ci sono la Cina e Trump. Il grande dragone, dove la pandemia è miracolosamente scomparsa, ora galoppa verso una ripresa sempre più veloce.

Così come va a gonfie vele l’economia della Svezia, che, intelligentemente, ha scelto di convivere con il virus, come ha da sempre fatto l’uomo nella storia.

Quanto a Trump… I dati economici degli Stati Uniti erano il biglietto da visita con cui si apprestava a stravincere le elezioni del 2020.

Insomma, ci sono moltissimi motivi per cui la pandemia di asintomatici deve continuare ad apparire come la Spagnola. Tanto ai numeri badano in pochi. Altrimenti, si capirebbe che le pandemie decimano la popolazione. Mentre, fortunatamente, il mondo oggi è in crescita di oltre 65 milioni di vite da gennaio.

La Spagnola cancellò 150 milioni di persone da un pianeta con due miliardi di abitanti.

I morti di AIDS sono superiori a quelli della pandemia di asintomatici. E ricordiamo che per l’AIDS non si contano gli incidentati con tampone positivo.

I morti causati dal fumo sono quattro milioni, ma a nessuno sembra interessare. Eppure il fumo passivo fa danni. Dovrebbe spaventare chiunque con in mano una sigaretta. Molto più di un individuo senza mascherina.

Ma la televisione è ormai mononotiziaria. Non ci sono più attentati, incidenti ferroviari, rapimenti, stupri…

Nessun arresto eclatante e anche il terrorismo islamico non sgozza più nessuno.

Tra un po’, scopriremo che la pandemia di asintomatici ha debellato anche il cancro e le leucemie.

Ma quando arriveranno quei dati, qualcuno tra i lobotomizzati si porrà qualche domanda?

Non credo. L’Italia chiederà quanti più prestiti possibili. Compreso il MES. Arriverà la Troika con una stagione di lacrime e sangue.

Taglieranno pensioni, servizi e stipendi.

E quando qualcuno si lamenterà e ipotizzerà che forse è stato preso in giro i lobotomizzati saranno pronti a rispondere: “Ma cosa poteva fare il governo?! Meglio lacrime e sangue che morire, no?”

Già. Meglio lacrime e sangue che morire. Come Briatore, Berlusconi, Bolsonaro, Trump, Porro, Zingaretti, Pellegrini, Brosio, Vale Rossi, il principe Carlo… La lista dei morti è lunga… Ops. Dei guariti e degli asintomatici in quarantena. Come Cristiano Ronaldo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...